Il Sangiovese a Montalcino: il Rosso

L’anno fu il 1984, ma la DOC che vi vide la nascita è tra le meno orwelliane possibili.

MontalicinoA

Il Rosso di Montalcino fu infatti, essenzialmente, una concessione di libertà: procedurale, innanzitutto, perché il disciplinare è meno vincolante rispetto a quello del Brunello; gestionale, in secondo luogo, perché equivale a un incremento notevole della rotazione di magazzino e a un capitale circolante più velocemente liquidabile; e, infine, stilistica, perché apre il campo a nuove varianti espressive mantenendo il vincolo (deo gratias!) del sangiovese quale unico vitigno, in purezza.

Trent’anni di vendemmie hanno dimostrato la triplice fondatezza della scelta e l‘affrancamento del Rosso, in buona parte della sua produzione, dalla dimensione semplice della DOC di ricaduta. Vive di dignità, identità e stili propri, la cui individuazione è in molti casi abbastanza immediata nel bicchiere. Questa primo di tre seminari verte su questa tesi.

"Montalcino 002" di O.S. dal de.wikipedia.org. Con licenza CC BY-SA 3.0 tramite Wikimedia Commons - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Montalcino_002.jpg#/media/File:Montalcino_002.jpg

Sangiovese Grosso

 

I moduli tematici del seminario saranno:

  • La varietà, i versanti e gli stili: Rosso di Montalcino e sangiovese di Montalcino, le possibili partiture e le possibili diverse esecuzioni.
  • L’identità del Rosso: in quali caratteristiche si manifesta, tra letture didascaliche, marketing-oriented e libertarie.
  • La tesi e l’antitesi: il Rosso è un Brunello depotenziato?
  • La dimostrazione, ovvero la degustazione.

Si proporranno quindi in assaggio, a verifica, sette diverse espressioni di Rosso di Montalcino, per rappresentare le differenti interpretazioni stilistiche e territoriali di questa forma del sangiovese a Montalcino. Il modello di degustazione sarà quello abituale della ricognizione, con assaggio alla cieca di campioni ordinati.

MontalcinoB

Sette i vini, quattordici i posti, degustazione alla cieca, per un primo seminario di approfondimento sull’espressione del sangiovese a Montalcino. Relatore principale per la serata sarà Emanuele Giannone, esperto e narratore, senza il cui apporto questo ciclo di seminari non sarebbe stato possibile.

Martedì, 22 Settembre, 19:15, al ristorante La Regola, piazza S. Paolo alla Regola, 40.

Per informazioni: degustazioni@winemining.org.

This entry was posted in degustazioni and tagged , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.