riassunto di un anno: 2013 – le degustazioni

Concluso l’anno in bellezza con una degustazione di Champagne, “premio” per i frequentatori più assidui, ed in attesa di ricominciare a breve con le attività del 2014, è tempo di fare un sunto dell’anno trascorso: come statistica, bilancio e mappa delle attività svolte.

Questo è l’elenco delle degustazioni svolte da Wine Mining nel 2013, in ordine cronologico:

Mercanti di Vino VI – i rossi
Ricognizione: dolcetto
Mercanti di Vino VII – i rossi
Ricognizione – dal nebbiolo al Barolo
Mercanti di Vino VIII – i rossi: lista dei vini
L’eccellenza del Dolcetto – ricognizione (bis)
Sauvignon Blanc: ricognizione
Mercanti di Vino IX – i vini pallidi
Chardonnay: ricognizione
Riesling: ricognizione (due date)
C-SB-R, uve nobili bianche – smistamento
Mercanti di Vino X – autoctoni italiani bianchi, versante ovest
Pinot Grigio: ricognizione
Assaggio monosensoriale: olfatto (degustazione di campioni olfattivi)
Fiano di Avellino: ricognizione
Aglianico del Vulture
ti-cognizione: Badia a Coltibuono
Mercanti di Vino XI – rossi italiani
Champagne!

Sei edizioni della degustazione “ad asta” Mercanti di Vino (edizioni VI — XI), ben nove ricognizioni monografiche su vitigni italiani ed internazionali, una monografia su Badia a Coltibuono con la formula della ricognizione “a T” – qui chiamata per ciò t-cognizione; una degustazione alla cieca di smistamento, seguita alle tre monografie estive su Sauvignon, Chardonnay e Riesling, per verificare l’assimilazione di modelli utili ad individuare o almeno a smistare appunto i campioni tra i tre vitigni di proveninenza; una degustazione di campioni olfattivi (reali, non sintetizzati); infine la chiusura della stagione con lo Champagne. Un totale di ventuno degustazioni pubbliche, quattro sotto l’obiettivo della cadenza bimensile.

Approfitto di questa sede per ringraziare Carla e Paolo Trimani e con loro il personale del Trimani Wine Bar, per il fattivo e continuativo supporto fornito alle mie modeste attività di degustazione: se quest’anno sono state così tante, è anche merito vostro.

 

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.