Chardonnay: ricognizione – risultati

Ecco l’elenco dei vini, nell’ordine in cui sono stati serviti:

per il “programma di sala” in versione PDF, completo di gradazioni, si veda qui sotto.

Questa è la classifica basata sulla Preferenza totale (ranking), così come è risultata dalla valutazione dei partecipanti, seguita dalla indicazione della media del Gradimento:

Ai fini della classifica finale, rileva il solo punteggio di Preferenza che, per diverse ragioni, è più attendibile ed accurato di quello di Gradimento, e sopratutto non risente della differenza di metro di giudizio dei partecipanti. In caso di ex-aequo viene indicato prima il vino con la minore varianza, ritenendo la sua valutazione quella espressa con maggiore accordo tra i partecipanti.

N.B: In questo tipo di degustazione, la “ricognizione”, i vini vengono degustati alla cieca, ma sono poi scoperti subito dopo averli assaggiati, per facilitarne la memorizzazione. Quindi solo l’assaggio avviene alla cieca, mentre la valutazione è a vista. Inoltre la degustazione è guidata, con invitabili influenze sulla neutralità della valutazione. Infine l’ordine dei vini è stabilito all’inizio e non è quindi casuale.

Per queste ragioni questi risultati non hanno, lo stesso valore ed attendibilità di quelli delle degustazioni “Mercanti di Vino” che invece si svolgono in doppio cieco fino alla fine della degustazione, e con i vini ordinati casualmente.

Il punteggio di preferenza è qui riportato in punti centesimali, per renderne più immediata la comprensione, e permettere la comparazione con quelli delle precedenti edizioni. In questa scala, un vino valutato da tutti come “primo preferito” otterrà 100 punti su 100; un vino valutato da tutti come “ultimo preferito” otterrà 0 punti su 100.

Il punteggio di gradimento (media) è invece espresso in modo descrittivo e sintetico, mediante la scala: bad / ok- / ok / ok+/good- / good / good+ / great!.

 

 

This entry was posted in risultati and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.